Dal solco alla trincea. La grande guerra nel territorio del Lago di Bolsena attraverso i suoi protagonisti. 2. L'altra guerra: il "fronte interno"

Non a caso la Prima Guerra mondiale è stata considerata una “guerra totale” e totalizzante che coinvolse in primis migliaia di soldati al fronte ma alla quale, in realtà, “partecipò” ogni singolo cittadino dell’intero suolo italiano. Mentre si combattevano aspre battaglie tra le montagne italo -austriache, sugli altipiani del Carso, nelle trincee e tra i fuochi delle artiglierie, da Nord a Sud, in ogni singola città e paese, una moglie, una madre, un genitore e un figlio lottavano quotidianamente contro il dolore per la lontananza dei propri cari, contro l’impotenza di non poter fare nulla o quasi per aiutarli, contro la povertà, la fame e la disperazione. E’ dunque sul cosiddetto “fronte interno” che questa seconda pubblicazione vuole focalizzare l’attenzione, sui Comitati di Organizzazione civile, vero fulcro attorno al quale ruotò l’intera macchina assistenziale che si mise in moto praticamente ovunque fin dall’inizio del conflitto, ma, soprattutto, sui protagonisti di questa “resistenza”. Sindaci, parroci, esponenti delle famiglie più abbienti, come anche madri, mogli e figli dei soldati al fronte, tutti accomunati in questo sforzo comune: La guerra, da noi provocata ci fa provare ansie penose, ci fa sentire il dovere sacro di prendere tutti il posto che a ciascuno conviene per assicurare alla patria la Vittoria finale. Con questo secondo volume il Sistema Bibliotecario “Lago di Bolsena” conclude il progetto di ricerca dedicato alla Grande Guerra.

 

Dal solco alla trincea. La Grande Guerra nel territorio del lago di Bolsena attraverso i suoi protagonisti
2. L’altra guerra: il “fronte interno”
a cura di Raffaella Bruti, Monica Ceccariglia, Danila Dottarelli

Indice degli argomenti trattati:
 

Raffaella Bruti

La Grande Guerra attraverso le lettere e le cartoline dal fronte di soldati aquesiani

 

Valeria Pacchiarotti

Cappellani militari, preti soldati e seminaristi della Diocesi di Acquapendente durante la Grande Guerra: la loro corrispondenza con il vescovo Gisleno Veneri

 

Raffaella Bruti

Bolsena: il Comitato di Organizzazione civile e i prigionieri di guerra

 

Danila Dottarelli

Arriveranno costì prossimamente profughi. I profughi di Caporetto nelle carte dell’Archivio storico Comunale di Capodimonte

 

Monica Ceccariglia

L’ordine pubblico lontano dal fronte: Gradoli durante la Prima Guerra mondiale

 

Raffaella Bruti

L'assistenza alle famiglie dei richiamati alle armi di Grotte di Castro durante gli anni

della Grande Guerra dal carteggio conservato nell'Archivio storico comunale

 

Maura Lotti - Pier Luigi Gavazzi

Resistere! Ischia di Castro 1915-1918: il paese nello stato di guerra

 

Emanuela Olimpieri

Approvvigionamento alimentare nel Comune di Marta (1915 -1918

 

Giancarlo Breccola

Montefiascone negli anni della Grande Guerra attraverso L’Eco della diocesi

 

Normando Onofri

Montefiascone dopo la Grande Guerra

 

Tiziana Fiordiponti

San Lorenzo Nuovo e la Grande Guerra: il contributo individuale e collettivo negli

anni del conflitto

 

Bonafede Mancini

Valentano: la Guerra 1915 – 1918…per virtù non solo militare ma per la virtù civile, la resistenza, per voi donne

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  Scarica file allegati: Dal_SOLCOalla_trincea.pdf