Il monumento ai caduti di Gradoli

Monumento ai caduti delle due Guerre mondiali restaurato nel 2011

Tipologia: monumento ai caduti della Prima e Seconda Guerra mondiale
Ubicazione
: via Roma
Inaugurazione
: 2011
Promotore del restauro
: Comune di Gradoli
Materiale
: travertino, peperino e bronzo

 

Nel 2010 la Giunta municipale di Gradoli approvò il progetto esecutivo per i lavori di restauro del monumento del 1953, poiché versava in pessime condizioni a causa di un cedimento della fondazione e quindi la stele principale, quella su cui erano riportati i nomi dei caduti e dei dispersi, rischiava di crollare.
Il progetto e la direzione dei lavori di restauro furono affidati all’architetto Franco Indaco; l’intervento prevedeva anche la sistemazione degli alberi esistenti e il reimpianto di altri; il primo stralcio funzionale del progetto venne approvato con delibera n. 32 dell’11 marzo 2011 e i lavori si sono conclusi a maggio 2015.
Il nuovo monumento è formato da una stele in marmo bianco dove, nella parte alta, è inciso in bassorilievo il simbolo della Repubblica italiana, in basso la figura di un soldato seduto a terra che guarda verso l’alto e al centro l’iscrizione Gradoli ai suoi caduti; i nomi dei caduti e dei dispersi della Prima e della Seconda Guerra mondiale sono stati riportati su due diverse targhe poste sopra il basamento di pietra, recuperato dal monumento del 1953; sul basamento sono state applicate le due date d’inaugurazione 1953 e 2011.

 

La targa marmorea

Tipologia: targa ai caduti della Guerra 1915-1918 (smantellata intorno alla metà degli anni Settanta)
Ubicazione: piazza Umberto I (oggi piazza Luigi Palombini), facciata di Palazzo Farnese
Inaugurazione: 20 novembre 1921
Promotore
: Comune di Gradoli
Materiale
: marmo bianco e bardiglio
Scultore
: Carlo Jelmoni

 

La prima espressione della commemorazione dei caduti della Prima Guerra mondiale, da parte della comunità di Gradoli, è rappresentata da una targa marmorea, realizzata dallo scultore viterbese Carlo Jelmoni; il Comune gli assegnò ufficialmente l’incarico il 15 maggio 1921, stabilendo le caratteristiche che tale opera avrebbe dovuto avere: in marmo bianco dello spessore non inferiore a quaranta millimetri, con una cornice lavorata in bardiglio lunga almeno quindici centimetri, con lo stemma del Comune, ornamenti e specchi sui cui incidere i nomi dei caduti incorniciati di nero e con l’indicazione del grado militare di dimensioni più piccole rispetto a quelle dei nomi.


L’iscrizione riportata sulla targa recitava in questo modo:

AI SUOI FIGLI

CADUTI GLORIOSAMENTE COMBATTENDO

PER IL DIRITTO E LA GRANDEZZA D’ITALIA

XXIV MAGGIO MCMXV – IV NOVEMBRE MCMXVIII

IL POPOLO DI GRADOLI MEMORE RICONOSCENTE

 

Essa venne collocata sulla facciata di Palazzo Farnese alla sinistra del portone d’ingresso.
Il costo complessivo dell’opera fu di £ 4.274,60, interamente coperto attraverso il denaro ricavato da una pubblica sottoscrizione tra i cittadini di Gradoli, promossa dal locale Comitato pro monumento.
La targa marmorea venne inaugurata il 20 novembre 1921 e riportava i nominativi di 36 caduti.
Rimase sulla facciata di Palazzo Farnese fino a metà circa degli anni Settanta quando, a seguito dei lavori di restauro diretti dall’architetto Eugenio Galdieri riguardanti sia le parti esterne sia quelle interne del palazzo, venne rimossa e, probabilmente, per motivi non meglio noti non venne più affissa nella posizione originaria e nel corso degli anni se ne sono perse completamente le tracce.

 

Monumento ai caduti delle due Guerre mondiali del 1953

Tipologia: monumento ai caduti della Prima e Seconda Guerra mondiale (non più esistente)
Ubicazione
: via Roma
Inaugurazione
: 4 novembre 1953
Promotore
: Comitato pro erigendo monumento ai caduti in guerra
Materiale
: marmo e peperino

 

Dopo la fine della Seconda Guerra mondiale, per rendere omaggio anche ai caduti di questo conflitto, il 4 novembre 1953 venne inaugurato un monumento nel quale furono riportati anche i nominativi dei caduti della Prima Guerra mondiale: la richiesta per la sua realizzazione venne presentata il 21 settembre 1953 dal dottor Francesco Cortese, presidente del locale Comitato pro erigendo monumento ai caduti in guerra, al Municipio di Gradoli; la lettera era diretta ad ottenere il permesso per innalzare il monumento nel largo adiacente a via Roma, di fronte al muraglione di Palazzo Farnese. Il 2 ottobre successivo il Consiglio comunale approvò all’unanimità la concessione di questa autorizzazione tendente a ricordare degnamente i figli di Gradoli, che, eroicamente tutto dettero per la Patria.


Il monumento era formato da una base con gradini in marmo bianco su cui era posto un basamento rettangolare in peperino, nella parte frontale riportava questa iscrizione:

GRADOLI

AI SUOI CADUTI

4 NOVEMBRE 1953


Sopra il basamento in peperino si ergeva una stele in marmo bianco: in alto a destra vi era incisa una croce, sotto, nella parte sinistra i nomi dei caduti e nella parte destra i nomi dei dispersi.

 

Monica Ceccariglia


I Caduti di Gradoli nella Grande Guerra​:
 

COGNOME NOME DATA DI NASCITA CORPO MILITARE DATA DI MORTE LUOGO DI MORTE CAUSA DI MORTE
Andronici Francesco di Nicola 21-08-1886 Soldato, 60° regg. Fanteria 22-04-1916 61° ospedaletto da campo Ferite riportate in combattimento
Andronici Luigi di Nicola 20-09-1894 Soldato, 10° regg. Bersaglieri 14-10-1918 Ospedaletto da campo n. 0135 Ferite riportate in combattimento
Antonuzzi Fausto di Arcangelo 19-12-1887 Soldato, 46° regg. Fanteria 17-05-1916 Monte Sief Ferite riportate in combattimento
Arcangeli Carlo di Pietro 05-02-1884 Soldato, 207° regg. Fanteria 21-06-1916 Cima Mezzana Ferite riportate in combattimento
Bucini Federico di Luigi 22-02-1895 Caporale, 123° regg. Fanteria 08-08-1915 Ospedaletto da campo n. 03 Ferite riportate in combattimento
Catasca Pietro di Giuseppe 18-01-1895 Soldato, 1° regg. Artiglieria da Montagna 18-02-1917 Ospedale di Verona Malattia
Delle Vigne Giuseppe di Luigi 23-01-1877 Soldato, 934° Centuria del distretto di Perugia 08-09-1917 Gradoli Malattia
Dominici Ernesto di Nazzareno 05-02-1899 Caporal Maggiore, 40° regg. Fanteria 15-11-1919 Gradoli Malattia
Donati Francesco di Giambattista 02-03-1895 Caporale, 88° regg. Fanteria 02-07-1916 Monte Mosciagh Ferite riportate in combattimento
Fioravanti Nicloide di Massimino 29-04-1894 Soldato, Esercito americano 11-10-1918 Francia Ferite riportate in combattimento
Fucina Giuseppe di Francesco 15-10-1899 Soldato, 119° regg. Fanteria 13-12-1917 Monte Pizzo Ferite riportate in combattimento
Fucina Antonio di Vincenzo 26-07-1876 Soldato, 208° Battaglione Milizia Territoriale 22-11-1915 Orvieto Malattia
Galeotti Giuseppe di Pio 23-12-1881 Caporale, 48° regg. Fanteria 08-10-1916 Opacchiasella Ferite riportate in combattimento
Laghi Carlo di Frumenzio 11-12-1898 Soldato, 121° regg. Fanteria 28-10-1918 Isola Caserta (Piave) Ferite riportate in combattimento
Laghi Fortunato di Giuseppe 15-04-1895 Soldato, 2° regg. Genio Zappatori 08-08-1916 Gradoli Malattia
Laghi Nazzareno di Francesco 02-08-1899 Soldato, 244° regg. Fanteria 19-12-1919 Ospedale di Nocera Inferiore Malattia
Lorenzini Giuseppe di Pietro 10-03-1886 Soldato, 77° regg. Fanteria 13-10-1916 Ospedaletto da campo n. 77 Ferite riportate in combattimento
Manganozzi Antonio di Giuseppe 24-04-1895 Soldato, 22° regg. Fanteria 28-12-1915 Castelnuovo Ferite riportate in combattimento
Morosini Vincenzo di Flavio 24-08-1896 Soldato, 213° regg. Fanteria 11-10-1917 Nervi Malattia
Nucci Alberto di Angelo 1881 (San Lorenzo Nuovo) Soldato, 3° regg. Genio 15-09-1916 Ospedaletto da campo n. 022 Malattia
Paglialunga Giovanni di Domenico 13-01-1898 Soldato, 267° regg. Fanteria 20-09-1918 Settore del Piave Infortunio in combattimento
Perosillo Domenico di Pietro 12-04-1895 Soldato, 216° regg. Fanteria 07-11-1916 Cima Bocche Ferite riportate in combattimento
Polidori Francesco di Sigismondo 18-10-1889 Soldato, 211° regg. Fanteria 10-11-1918 In prigionia Malattia
Polverini Nazzareno di Giovanni Battista 27-06-1882 Soldato, 1° regg. Artiglieria da Campagna 11-04-1918 Ospedale militare succursale di Cremona Ferite riportate in combattimento
Profazi Clemente di Bernardino 15-12-1881 Soldato, 48° regg. Fanteria 08-10-1916 Opacchiasella Ferite riportate in combattimento
Raggi Domenico di Nazzareno 29-07-1897 Soldato, 3° regg. Bersaglieri 11-07-1917 Monte Colbricon Ferite riportate in combattimento
Raggi Vincenzo di Luigi 10-11-1889 Sergente, 22° regg Fanteria 10-05-1916 Monfalcone Morto/disperso presso Monfalcone
Raggi Giuseppe di Vincenzo 29-07-1889 Soldato, 82° regg. Fanteria 19-09-1918 Ospedale di Catania Malattia
Raggi Remigio di Luigi 01-09-1884 Caporale, 29° regg. Fanteria 02-10-1916 Gradoli Malattia
Sarti Girolamo di Francesco 02-04-1891 Soldato, 22° regg. Fanteria 09-08-1916 Vermigliano Ferite riportate in combattimento
Silveri Antonio di Costantino 07-03-1896 Caporale, 226° regg. Fanteria 22-07-1916 Monte Zebio Ferite riportate in combattimento
Tascio Francesco di Flavio 08-03-1887 Soldato, 50° regg. Fanteria 10-06-1916 Rio Felinzon Ferite riportate in combattimento
Vagnoli Pietro di Agostino 09-07-1895 (Pitigliano) Soldato ? 07-12-1915 Ospedaletto da campo n. 219 (Cormons) Ferite riportate in combattimento
Vetrulli Reginaldo di Clemente 09-07-1892 Soldato, 69° regg. Fanteria 06-09-1915 Monte Seikofl (Sesto) Ferite riportate in combattimento
Vetrulli Armando/Ermanno di Clemente 28-04-1895 Soldato ? 10-02-1916 Ospedale di riserva Montebello di Roma Malattia
Volpini Pietro di Benigno 25-08-1883 Soldato, 95° regg. Fanteria 12-06-1917 Pavla Ferite riportate in combattimento

Elenco dei dispersi​:
 

COGNOME NOME DATA DI NASCITA CORPO MILITARE DATA PRESUNTA DELLA MORTE LUOGO PRESUNTO DI MORTE
Buraco Angelo di Vincenzo 03-08-1892 Soldato, 84° regg. Fanteria 10-07-1915 Disperso a Zintan (Libia)
Del Signore Raniero di Filippo 16-11-1891 Soldato, 55° regg. Fanteria 08-06-1916 Disperso nell’affondamento del piroscafo Principe Umberto
Fastelli Marsilio di Agostino 09-02-1885 (San Casciano dei Bagni) Soldato, 81° regg. Fanteria 16-11-1915 Disperso sul monte San Michele
Labardi Desiderio di Nazzareno 14-03-1889 (Radicofani) Soldato, 46° regg. Fanteria 21-05-1916 Disperso sul monte Col di Lana
Manganozzi Francesco di Luigi 13-07-1878 Soldato, 230° regg. Fanteria 15-05-1917 Disperso sul Monte Santo
Peruzzi Bonaventura di Luigi 05-03-1891 Soldato, 131° regg. Fanteria 17-11-1915 Disperso sul Monte San Michele
Raggi Augusto Alberto di Vincenzo 27-08-1895 Soldato, 3° reparto d’Assalto 15-06-1918 Disperso a San Donà di Piave
Renzi Augusto di Giuseppe 01-08-1891 Soldato 59° regg. Fanteria 07-1918 Scomparso in prigionia
Sborchia Ernesto di Giuseppe 19-02-1882 Soldato, 73° regg. Fanteria 12-08-1916 Disperso sul Monte San Michele
Socciarelli Giovanni di Antonio 09-07-1886 Soldato, 77° regg. Fanteria 02-11-1916 Disperso nel fatto d’armi di Faiti Kribach